Fine del corso base di Fotografia

Anche questo corso base è finito ed anche questa volta è stata un’esperienza fantastica.

Ci dispiace non potervi rivedere per un pò, ma speriamo sia solo momentaneo e di riavervi con noi prestissimo!

Grazie a tutti!

 

  • Fine corso base di Fotografia

Corso base di Fotografia

volantino-foto-base-senza-data

 

DA MARTEDÌ 15 NOVEMBRE

A CHI E’ RIVOLTO

Il corso è strutturato per fornire una conoscenza teorica, ma soprattutto pratica, della macchina fotografica, così da costruire le basi per un uso consapevole e creativo della fotocamera.
Ogni lezione prevede una parte teorica di circa  un’ora e una pratica per il tempo restante.

PREREQUISITI

Per partecipare al corso è necessario possedere una macchina fotografica. E’ preferibile una fotocamera che abbia comandi manuali, non necessariamente una reflex.

INFO

Il corso si terrà ogni martedì sera dalle 21.00 alle 22.30
Il corso si sviluppa in sei lezioni, che si svolgeranno in uno studio fotografico professionale, e due uscite didattiche.
L’ultimo martedì verranno visionate e discusse le foto scattate dai partecipanti durante le uscite.
Saranno gli stessi autori ad esporre e a descrivere le proprie opere.
Il numero massimo di partecipanti al corso è 15 e verranno seguiti da due tutor.
Il costo è di 150€.

PROGRAMMA

I LEZIONE

Presentazione del corso
La macchina fotografica

II LEZIONE

L’esposizione (Tempi – Diaframmi – ISO)

USCITA SABATO O DOMENICA

Alle ore 9.00 e rientro alle 12.00 con meta da definire

III LEZIONE

L’inquadratura (Obiettivi – Profondità di campo – Bilanciamento
del bianco)

IV LEZIONE

Lightroom (Archiviazione delle immagini e ritocco di base)

V LEZIONE

Serata dedicata alla pratica in studio fotografico e alle domande

USCITA VENERDÌ O SABATO

Alle ore 19.00 e rientro alle ore 23.00 con meta da definire

VI LEZIONE

Visione e dibattito sulle foto dei partecipanti e chiusura del corso

Corso di Calligrafia

brochure-calligrafia

 

DOMENICA 20-27 NOVEMBRE 2016

Il corso affronta il tema della grafia personale quotidiana e della possibilità di migliorarla.

Ritroviamo il piacere di scrivere a mano, senza stress e difficoltà di lettura: scrivere in modo chiaro, naturale, leggibile è un piacere per tutti, non solo per noi stessi, e aiuta a pensare meglio.
Anche se in piena era digitale o forse proprio per questo, sentiamo il bisogno di riappropiarci di quelle forme che per tanto tempo abbiamo sottovalutato o prodotto in modo poco soddisfacente.
Per far ciò, ci aiuterà lo sudio di un modello di scrittura umanistica del 1500: l’Italico, una scrittura semplice ed efficace e allo stesso tempo elegante. Con la matita e con la penna a sfera preferita, si conosceranno e impareranno le forme basilari delle lettere di questo alfabeto e si lavorerà soprattutto sui corretti movimenti da seguire, sulle legature tra le lettere e sul ritmo. Con l’esercizio ognuno saprà ottenere una scrittura individuale piacevole e appagante, realizzata in maniera personale e spontanea.

INFO

Il corso si terrà dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.30 alle 18.30.
Si sviluppa in 2 giornate.
Verrà attivato con un minimo di 8 partecipanti.
Il costo è di 200 € + 15 € per la quota associativa.

DOCENTE

Francesca Gandolfi si è sempre interessata alla bellezza e all’espressività delle lettere, siano esse antiche o moderne, formali o informali.
Fa parte dell’Associazione Calligrafica Italiana dal 1994 e da anni si occupa di calligrafia a livello professionale nel campo della comunicazione visiva.

MATERIALI

Quaderno o bloc-notes a quadretti 5 mm formato A4
quaderno a righe 3a elementare o con rigatura tedesca
blocco carta leggera da layout formato A4 (tipo schizza e strappa Favini)
matita morbida HB e 2B, gomma, righello
penna a sfera preferita
pennarellini a punta fine (tipo TrattoPen)
breve testo in italiano a scelta
esempi di scrittura quotidiana (lettere, diari, temi, …)

Materiale facoltativo:
Solo per chi ce l’ha, penna stilografica a punta tronca (con l’inchiosto!).

Laboratorio di Fotografia per ragazzi dagli 11 anni

volantina-corso-foto-ragazzi

 

Da Mercoledì 23 Novembre nuova edizione pomeridiana!

Che cos’è una fotografia? Come si costruisce? Dall’idea allo scatto, dall’immagine alla stampa.
Imparare a impostare l’inquadratura e scegliere la luce.
Un modo per scoprire alcuni piccoli segreti e, magari, far scattare una passione.

A CHI E’ RIVOLTO

Il corso è strutturato per fornire a tutti i ragazzi una conoscenza teorica, ma soprattutto pratica, della macchina fotografica, così da costruire le basi per un uso consapevole e creativo della fotocamera.

PREREQUISITI

Per partecipare al corso è necessario possedere una macchina fotografica. E’ preferibile una fotocamera che abbia comandi manuali, non necessariamente una reflex.

INFO

Ideale per ragazzi dagli 11 anni.
Il corso si terrà il mercoledì dalle 17.30 alle 19.00.
Si svolgerà a Bergamo, presso lo Spazio Cam, in via San Tomaso 84 (accanto all’Accademia Carrara).
Il corso si sviluppa in quattro lezioni, che si svolgeranno in uno studio fotografico professionale, e un’uscita.
Il corso verrà attivato al raggiungimento di 8 iscritti.
Il numero massimo di partecipanti è 15.

Il costo è di 90€.

PROGRAMMA

I LEZIONE

Presentazione del corso
La macchina fotografica

II LEZIONE

L’esposizione (Tempi – Diaframmi – ISO)

III LEZIONE

L’inquadratura (Obiettivi – Fuoco – Profondità di campo – Bilanciamento del bianco)

USCITA – Sabato pomeriggio

IV LEZIONE

Lightroom (Archiviazione delle immagini e ritocco di base)

 

 

Uscita serale corso base

Venerdì sera uscita con i corsisti del base! Tanto divertimento e, speriamo, qualche bella foto

  • Uscita corso fotografia base Spazio Cam Accademia Carrara

 

Corso di linguaggio cinematografico

Corso di linguaggio cinematografico

Comincia oggi il corso che vi porterà a viaggiare dentro la storia e il linguaggio cinematografici, un corso per capire il cinema.
Cinque lezioni per indagare i segreti dei grandi registi, per scoprire cosa differenzia un capolavoro da un film qualunque.
Il cinema è un sistema complesso. Si può osservare da molti punti di vista. Sociologico, emotivo, psicologico, ideologico, massmediologico, dello star system. Si può concentrare l’attenzione sulla sceneggiatura, sulla produzione, sulla critica.
Questo corso invece tenta di proporre una panoramica su come il cinema riesca a raccontare storie attraverso i segni che lo caratterizzano. Perché si dice “dirigere” un film? Come un regista indirizza lo sguardo dello spettatore e così facendo costruisce senso? Come può un regista costruire senso attraverso i materiali del cinema? Come, nel corso degli anni, sono cambiate le modalità di messa in scena? Quale risposta migliore se non osservare i film dei maestri che hanno saputo utilizzare il cinema per fare arte e per raccontare qualcosa sul mondo.
Si vedranno spezzoni di film di Hawks, Eastwood, Welles, Godard, Coppola, Tarantino e di altri registi che hanno segnato la storia del cinema. Su questi spezzoni si ragionerà alla ricerca del cinema della classicità, del cinema del piano sequenza, del cinema del montaggio e del cinema postmoderno. Si cercheranno indizi in grado di aprire orizzonti sullo spazio e sul tempo cinematografici, si cercheranno segni che i registi lasciano nei film per dare loro spessore. Si cercherà di indicare una via per guardare i film in maniera più approfondita, perché nei film ci sono molte più cose di quanto si vede o si è abituati a vedere.